Leggi la scheda

Psichiatria come Medicina dell’Anima di Marco Bertali Macroedizioni

 

 

 

Guida alla salute psichica e all’evoluzione psico- spirituale. Un manifesto per Psiche e contro l’industria e il mercato del cerebrofarmaco (ex psicofarmaco)

“Le sofferenze psichiche sono un’opportunità di comprensione e di trasformazione”

Quest’opera tratta la salute psichica con un approccio di tipo olistico, che prende in considerazione anche la natura spirituale dell’essere umano. La psichiatria infatti dovrebbe essere intesa sempre meno come mera somministrazione di farmaci e sempre più come cura profonda dell’Anima. La maggior parte delle problematiche per le quali viene fatta una diagnosi psichiatrica sono in realtà sofferenze psichiche, segnali che la nostra Anima ci lancia per richiamare l’attenzione sui nodi non sciolti della nostra vita. Psichiatria come Medicina dell’Anima è anche una denuncia durissima dell’uso sconsiderato degli psicofarmaci (meglio definibili con il neologismo di cerebrofarmaci) soprattutto per quei disagi psichiatrici meno gravi (stati depressivi, stati d’ansia, crisi di panico, fobie, disturbi ossessivi, disturbi psicosomatici) che possono essere invece curati con un approccio psicoterapeutico, o più in generale relazionale, e con l’utilizzo di tecniche introspettive e di modifica psico-fisiologica ed energetica (meditazione, yoga, training autogeno, reiki, pranic healing, rio abierto, ecc.).

È qui racchiusa la preziosa testimonianza di uno psichiatra che opera sul campo da più di vent’anni, e ha sperimentato con successo soluzioni “dolci” per moltissimi problemi psicologici, solitamente insabbiati sotto la coltre soffocante di farmaci più o meno potenti, che vengono ancora, nonostante gli effetti collaterali che arrecano, prescritti abbondantemente dietro forti pressioni delle industrie farmaceutiche. Un’accusa autorevole, dunque, contro le industrie multinazionali del farmaco che, in preoccupante sinergia con i potentati della politica, della cultura e della sanità, esercitano sui professionisti della salute e sui cittadini-utenti uno strapotere che mira ad aumentare a dismisura il mercato del farmaco, creando un clima di paura che favorisce il controllo e l’appiattimento sociale. Psichiatria come Medicina dell’Anima può anche diventare prezioso strumento per psichiatri, medici, psicologi, altri professionisti della sanità e operatori della salute che vogliano conoscere nuovi percorsi, che interpretino l’essere umano nella sua interezza di corpo, mente e Anima.

Psichiatria come Medicina dell’Anima
di Marco Bertali

Macroedizioni
Guida alla salute psichica e all’evoluzione psico- spirituale.
Un manifesto per Psiche e contro l’industria e il mercato del cerebrofarmaco
(ex psicofarmaco)

L’approccio olistico nella promozione di salute psichica e di bene-essere

I DUE ATTUALI APPROCCI ALLA PSICHIATRIA

Approccio medico organicistico (“BIOLOGICO”)

      • Dove
        – ambienti cattedratico-universitari, circuito privato
      • Che indirizzo
        – organicistico, diagnostico, prescrittivo.
        – “bio” = materialità del cervello (non considera gli apporti della fisica quantistica).
      • Che significato viene dato ai sintomi?
        – sintomi = malattia del cervello su determinazione-predisposizione genetica
      • Quali interventi?
        – su alterazione dei circuiti neurotrasmettitoriali con i cerebrofarmaci (ex psicofarmaci), psicoterapia vassalla e tollerata – soprattutto se condotta da psicologi, interventi sociali: cosa sono?
      • Approccio “BIO – PSICO – SOCIALE”
      • Dove
        – dipartimenti di salute mentale (viene estromessa Psiche, l’Anima, mentre viene salvata la mente)
      • Che indirizzo
        – impegno relazionale e di sostegno
        – grossa attenzione per problematiche sociali
        – “bio” = materialità del cervello (non considera gli apporti della fisica quantistica)
      • Che significato viene dato ai sintomi?
        – sintomi = malattia -> disturbo = vulnerabilità del cervello (su predisposizione genetica?) nei confronti di eventi vitali stressanti
      • Quali interventi?
        – su alterazione dei circuiti neurotrasmettitoriali con i cerebrofarmaci
        – supporto psicologico; raramente psicoterapia struttuata
        – interventi riabilitativi e risocializzanti (casa, lavoro, tempo libero, svago) promozione di salute mentale.

LA NUOVA PROPOSTA
Approccio “OLISTICO” – “PSICHIATRIA COME MEDICINA DELL’ANIMA”

    • Dove
      – “piccoli squarci di bel pensiero nel pubblico e nel privato”
    • Che indirizzo
      – olistico: considerati nel loro complesso i vari livelli vitali individuali (fisico, energetico, emozionale-affettivo, mentale, psichico e spirituale) + aspetti relazionali ed ambientali in una prospettiva etica ed ecologica
      – considera gli apporti della fisica quantistica
    • Che significato viene dato ai sintomi?
      – sintomi = segnali di disagio da comprendere per trasformare al propria vita
      – non usato il termine di malattia o di disturbo, bensì di “sofferenza”
    • Quali interventi? La cura dell’Anima
      – critica al cerebrofarmaco (nella pratica con avvedutezza tenendo conto degli ovvi limiti oggettivi e soggettivi )
      – orientamento psicoterapeutico “trans – personale”
      – cure olistiche (yoga, meditazione, shiatzu, musicoterapia, reiki, pranic healing, rio abierto, ayurveda…) tenendo anche conto delle validazioni scientifiche della psico-neuro-endocrino-immunologia (PNEI) e degli studi sul funzionamento cerebrale (risonanza magnetica nucleare funzionale e tomografica ad emissioni di positroni)
      – sviluppo di tematiche etiche ed ecologiche (es. scelta vegetariana): importanza dell’aspetto etico e non solo estetico salutistico del bene-essere (essere si bene, ma per essere nel bene e per il bene)
      – interventi riabilitativi e risocializzanti (casa, lavoro, tempo libero, svago)
      – promozione di salute psichica: ri-Animazione comunitaria.

12 INDICAZIONI PER UNA PSICHIATRIA COME MEDICINA DELL’ANIMA

Le sofferenze psichiche come guida alla realizzazione individuale e collettiva.

    1. I cosiddetti disturbi psichiatrici non sono malattie del cervello.
    1. Tali disagi non devono essere considerati “malattie” o disturbi, bensì come “sofferenze”.
    1. Meglio ancora chiamare tali disagi “sofferenze psichiche”, sofferenze dell’Anima”.
    1. Le sofferenze psichiche non devono essere intese come un “male oscuro”, bensì la via, magari tortuosa, per ritrovare il nostro “bene oscuro”, la nostra Anima nascosta
    1. I sintomi con cui si esprimono le sofferenze psichiche non sono nemici da combattere, bensì amichevoli messaggeri interiori da ascoltare
    1. Il messaggio dei sintomi psichici deve essere decodificato per essere capito e quindi utilizzato come guida al cambiamento.
    1. Curare le sofferenze psichiche vuol dire trovare un modo per prendersi cura di se, riferendosi alle proprie risorse e dandosi attenzione, ascolto ed amore. Se temporaneamente si abbisogna di un aiuto è bene rivolgersi con discernimento a professionisti del settore (CSM o altro).
    1. Prendersi cura di se, comprendendo via via il significato della propria sofferenza psichica, comporta l’assumersi al responsabilità e la determinazione di riprendere in mano la propria vita e di affermarsi, anche spezzando catene relazionali ed ambientali e reagendo a soprusi ed ingiustizie.
    1. Per meglio in questo progetto di cambiamento e di emancipazione è proficuo incrementare le proprie risorse e potenzialità avvalendosi di pratiche olistiche che facilitano il riequilibrio psicosomatico ed energetico e la consapevolezza interiore.
    1. É utile riuscire a manifestare e quindi a condividere la propria sofferenza anche in contesti extra famigliari e non professionali in cui ci si possa sentire accolti e sostenuti (v. gruppi di auto-mutuo-aiuto).
    1. Ulteriore opportunità è offerta da associazioni che mettono in primo piano la promozione della salute individuale e comunitaria.
    2. É ognuno di noi che, in un percorso di cura e maturazione esistenziale, decide il livello di sofferenza psichica che può tollerare. I cosiddetti psicofarmaci (meglio definibili come cerebro-farmaci), possono alleviare il dolore, ma causano effetti collaterali, determinano fenomeni di dipendenza fisica e mentale, riducono la motivazione, l’intenzione e la volontà di comprensione di sè e quindi compromettono la possibilità di una reale guarigione.

INIZIATIVE PER UNA PSICHIATRIA COME MEDICINA DELL’ANIMA

In un’istituzione psichiatrica pubblica, è possibile far nascere iniziative culturali, formative e terapeutiche che propongano interventi evolutivi dal disagio/sofferenze, puntando su risorse individuali e collettive in una prospettiva olistica.

Azioni ed iniziative finora svolte:

INTERVENTI TERAPEUTICI INDIVIDUALI
Integrazione di approccio psicoterapeutico trans-personale con pratiche di rilassamento e riequilibrio psico-somatico, di meditazione, di cure ed auto cure energetiche) presso il Centro di salute mentale (sede centrale), in sinergia con il lavoro svolto in equipe multi professionale.

INTERVENTI DI GRUPPO(tenuti presso la sede del Centro Diurno “Mare Pensante”
– spazi interni ed esterni – allocato nel Parco Basaglia, comprensorio dell’ex OPP, per favorire integrazione, scambi e collaborazioni con il volontariato e la cittadinanza).

  1. Oltre alla proposte riabilitative più consuete, gruppi di yoga, shiatzu, misicoterapia, pittura, mosaico, laboratorio musicale, canto corale religioso
  2. Collettivo “LINEA DI SCONFINE”, incontri culturali sui temi del disagio, della salute psichica e del bene-essere.
  3.  Gruppo di
    Auto Mutuo Aiuto (A. M. A.)
  4. “LE MUSICHE E IL SILENZIO DELL’ANIMA”, percorso di cura e di evoluzione psico-spirituale collettiva (espressività su base musicale, meditazione, riequilibrio psicosomatico ed energetico, silenzio …)
  5.  Ciclo conferenze “DOLCE MENTE: approcci olistici alla cura del bene-essere”
  6.  “PERCORSI DI-VERSI”, incontri di poesia e musica
  7.  Corsi di formazione sulla meditazione e sulla conoscenza dei chakra.


PROMOZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE NELLE SCUOLE

Quattro interventi teorico – esperienziali

  1. Psichiatria come Medicina dell’Anima
  2. Comprendere e trasformare le proprie paure
  3. La preziosa via dal disagio interiore al bene-essere(con pratica meditativa di auto-cura)
  4. La filosofia vegetariana: una scelta etica e solidale per la salute, il bene-essere e la pace

LI-BELLO “AVVICINARSI ALL’ARTE DELLA CURA PSICHICA”

PROPOSTA DELLA FILOSOFIA VEGETARIANA (vedi decalogo)

CONCLUDENDO,
PER DIFFONDER L’IDEA DI UNA PSICHIATRIA COME MEDICINA DELL’ANIMA …

UN INVITO UN PO’ MATTO E DEBORDANTE A DIVENTARE

GUERRIERI DI PSICHE”

La metafora de “I GUERRIERI DI PSICHE” è stata immaginata per richiamare risorse ed energie vitali in tutti coloro che, anche a partire dalle più diverse sofferenze, si ritrovino in un cammino di evoluzione esistenziale di tipo psico-spirituale; e che nel contempo sentano la responsabilità ed il piacere di manifestarsi e di contrapporsi alla pervasività ed alla prevaricazione di quegli atteggiamenti materialistici e desanimanti di tanta parte della cultura e della “scienza” contemporanee.

Ognuno, pur con ruoli diversi, può impegnarsi in quest’opera promozionale, ben sapendo che le braccia pugnaci dei guerrieri di Psiche nascono da un cuore amorevole e gentile… e che (debordando ancor di più) “La danza dei guerrieri di Psiche” (vedi cd musicale) vuol fare comprendere le potenzialità realizzative dei nostri chakra (i centri psico-energetici del nostro organismo) e nel contempo vuole dare inequivocabilmente un contributo devoto a quella via sacra e misterica di riconoscimento e di testimonianza del Divino.